Mi da la documentazione di rete? Ehm…

Alcuni giorni fa sono stato contattato da un’azienda medio piccola, in forte crescita, per una “sistemata dell’infrastruttura IT”.

Appena entrato una gentil donzella mi fa accomodare in una reception molto curata, mi offre il caffè, in attesa del mega direttore galattico. Noto il logo dell’azienda riprodotto dappertutto: dallo zerbino, alle lampade, alle placchette degli interruttori, insomma penso questi se han curato le stronzate figurati che infrastruttura di rete, menomale va!

Arriva il mega direttore galattico, mi fa accomodare , mi presenta ai suoi collaboratori come l’ingegnere,dottore, consulente, mago paragnosta…insomma tanto fumo! Arriviamo al dunque ci accomodiamo,  e inizia ad elencarmi una serie di problemi:

ingegnè i computer erano lenti a spegnersi, allora il nuovo tecnico li ha levati dal server (dal dominio dal dominio cribbio!!!)

In pratica qui abbiamo 20 computer, i server, le telecamere..io devo vedere le telecamere quando non ci sono! ma ultimamente non funziona niente. Ci aveva seguito lo studio PippoPluto 6 anni fa, bel lavoro, tutto preciso, poi però questi dopo un paio d’anni mandavano sempre fatture, e ingegnè per due o tre problemi risolti a distanza ma che fatture! allora mi sono rivolto al negozio che fornisce le stampanti, e hanno un ragazzo sveglio, veloce, bravo..ma non riesce sempre a darci una mano. A noi serve giusto un’aggiustatina poi siamo autonomi..che qui abbiamo il nostro Giuseppe che se la cava alla grande!

Dato che la mia pazienza iniziava a vacillare decido, di fare la domanda di rito: mi può fornire il documento di rete? una relazione sulla vostra struttura IT?

E ma quello, non lo so , ecco è quello del vecchio studio, ma di questi computer ne esistono pochi, , li ho rottamati, il server quello si è bruciato, il virus, ah no l’ho preso un affare rigenerato era della banca…

Allora partiamo dal presupposto che lo studio PippoPluto non lo conosco, ma credo che sia composto da qualche bravo collega, dato che il famoso documento di rete era chiaro sintetico e soprattutto completo. Ma il discorso è sempre il solito, le aziende non capiscono che il consulente IT è vitale. Vitale al pari del commercialista, dell’avvocato, del notaio.

Cari direttori mega-galattici, solitamente un consulente IT:

  • non vende hardware;
  • ti consiglia nelle scelte;
  • ha competenze tali da assumersi le responsabilità del suo lavoro;
  • ha una buona assicurazione professionale;
  • sicuramente costa di più inizialmente del tecnico/commerciante che vende qualche pc rigenerato “della banca”.

 

Lo capiranno mai?

 

ANsifra

 

Cryptolocker, rasomware, tesla …recupero i miei files?

Circa una settimana fa me ne stavo nel mio studio, e già pregustavo il rientro a casa dalla mia famiglia, quando suona il telefono, era un mio cliente.

ANsifra:”Ciao, dimmi”

Cliente:”Abbiamo aperto una mail, da una webmail…”

ANsifra: “Stacca il pc dalla rete”

Pensavo che diamine tra protezioni hardware e software e sistemi di backup di vario tipo si sarebbe trattato di qualche ripristino, ma invece:

in realtà non sono nell’azienda che segui tu, mi trovo in una nuova sede che abbiamo acquisito
, il nostro stagista, che mi devi credere è molto sveglio ha messo in piedi una piccola rete e montato qualche disco di rete

 

Al mattino seguente di buon ora mi reco in questa nuova sede, riscontro:

  1. Tutti i dati criptati con estensione composta da sei caratteri casuali (random!)
  2. Inesistenza di backup
  3. E liti tra dipendenti alla ricerca del colpevole

Morale della favola, abbiamo decriptato 635678 files ora i miei collaboratori e stanno mettendo in piedi una struttura di rete decente!

Ma farlo prima no? Tutelarsi prima? Cacchio è possibile affidare 60 postazioni, 5 server che comandano i macchinari  ad un ragazzo (che tra l’altro è bravino…) ma che neanche paghi dato che lo stage lo rimborsa la regione?

bah…